All'umanità, da un uomo con una pila (ovviamente a led) - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

All'umanità, da un uomo con una pila (ovviamente a led)

Ben Boux
 


All'umanità, da un uomo con una pila (ovviamente a led)

Da alcuni tempi mi sto dedicando al tentativo di trasmettere le nuove conoscenze che ci stanno pervenendo. Ed ho trovato praticamente sempre un comportamento dei miei uditori tipico. Sono quasi tutti molto interessati a ciò che prospetto loro, molti sono affascinati nel poter scoprire molti dei misteri che hanno attirato la loro attenzione. Altri, a volte, vedono confermate loro supposizioni, ed altri ancora studiano le nuove conoscenze scientifiche per cercare almeno di capire le novità.

Ma, ed ancora ma, esiste una barriera insormontabile. Tra le due mezze parti del sapere umano, o dell'educazione, o chiamatela come volete. Cioè esiste la razionalità e la spiritualità. Separate e nettamente divise, anzi nemiche tra loro. Tutti nella loro psiche hanno depositate le due concezioni, ma sono a compartimenti stagni, non ci può essere nessun legame tra le due.

Le persone, poi, sono sbilanciate su una delle due posizioni: o sono spirituali o sono razionali. E, quello che è peggio, di solito si vergognano dell'altra parte di se stessi che non hanno scelto, e se ne determinano comportamenti realmente nevrotici, quando devono per forza scivolare dall'altra parte. Classico è l'atteggiamento dei presunti atei, che però vanno in chiesa per accontentare la mamma bigotta, o del fanatico religioso che rifiuta di usare i congegni tecnologici.

Ecco, nelle mie conversazioni, io tocco inevitabilmente tutte due le concezioni. E' chiaro, se parliamo della realtà, dobbiamo parlare anche, anzi soprattutto, di chi c' è dietro e sopra. Vale a dire il mondo celeste. E dove è questo mondo? Ecco il punto, gli uni pensano, e ci dimostrano coi loro ragionamenti, che non esiste. Gli altri invece pensano che esista, ma solo loro ne conoscono la porta di ingresso e tutti gli altri non hanno diritto ad entrare perché sono ancorati alle cose che hanno intorno.

In breve, se io parlo di energia libera, di ufo, di cerchi nel grano, sono tutti contenti, ma se dico che gli autori ed occupanti di questi dispositivi sono extraterrestri cominciano a preoccuparsi, hanno sentito troppe storie di ET malvagi. Ma se spiego loro che gli ET sono buoni perché appartengono alle schiere celesti, allora si incupiscono. E se dico che tutto questo è voluto e determinato dal piano Divino, allora mi odiano, si voltano e non si fanno più vedere. O se mando loro le email, le stracciano e mi sistemano nella categoria dei visionari, o al massimo degli illusi.

Se d' altra parte comincio a parlare di Esu, Christ Michael, di Urantia, della organizzazione del creato, del compito dei maestri ascesi, allora le personalità volte alla spiritualità sono molto interessate, e si mettono a fare confronti con le loro convinzioni religiose, e qualche volta arrivano a riconoscere che forse si potrebbero vedere le cose anche secondo le mie asserzioni, ma con sufficienza. Perché loro hanno la Verità, però sono moderni e tollerano le verità degli altri. Non tutti però, alcuni si offendono perché li ho contaminati con le mie eresie. Però se vengo a dire che Christ Michael si è incarnato in G.C.Hatonn e che è tornato sulla terra e che dimora in una astronave e che a tutti gli effetti è un extraterrestre, come dice lui stesso, e che erano extraterrestri su navi spaziali tutte le apparizioni attribuite a "Dio" della Bibbia, e che gli ufo sono cosa loro, allora scoppia il finimondo. Non è assolutamente concepibile una cosa simile, sono vaneggiamenti di un pazzo, tutt'al più sono favolette degli scrittori di fantascienza.

E' possibile una tale cecità? Sì. Esu ce ne parla molte volte, l'uomo è così, anzi era, deve cambiare, l' uomo nuovo deve non esserlo più. Ci vorranno anni, alla fine dovrà capire, illuminarsi, perché tale è il suo destino.

Ecco la mia pila (ovviamente a led) . Cerco di fare una piccola luce con questa pila; c'è una terza via, quella che l'uomo ha dimenticato. La caduta nel buio. Tutti ne parlano, l'antichità, anche se non sanno quando, ha visto l'uomo sconfitto dalle forze del buio, del male ed è sprofondato.

E' questo il suo abisso. Non vede più la via. Esiste la visone della realtà unica che comprende la mente e lo spirito, la scienza delle cose e la conoscenza dei perché.

Uomini di scienza, ammettete una buona volta che in realtà non sapete nulla! Ci sono state delle scoperte, sì, uomini ispirati hanno tracciato i primi percorsi delle nozioni scientifiche, sì, i principi fondamentali, sebbene molto imprecisi. Ma vi sono bastati, non siete stati in grado di procedere di un millimetro da allora. Riconoscete una buona volta che le vostre invenzioni arrivano da fuori! , Chi era Tesla veramente? Parlava con l' altrove ed aveva la conoscenza. Come hanno fatto i Tedeschi a regalarvi tanta tecnologia? Sì, tutto del mondo moderno deriva da loro. C' era qualcuno che da molto lontano trasmetteva le spiegazioni. Come avete avuto l'energia atomica? Ve l' hanno regalata già pronta, e ne avete fatto delle bombe. Come è nata l'elettronica di oggi? Con degli alieni che vi hanno scambiato le invenzioni dei circuiti integrati, del laser, dell'antigravità ( questa se la sono tenuta le "elite"), del volo spaziale. Internet, da dove arriva secondo voi?

Cosa siete in realtà riusciti a scoprire della materia dopo forsennate ricerche con colossi giganteschi ? Niente. Siete riusciti a ricavare un Watt di energia dall' atomo senza ricorrere al fuoco (chimico o atomico)? No, No  e poi ancora No.

Allora come potete arrogarvi il diritto di essere i dominatori della natura e, addirittura dell'universo? Siete solo dei bambini dell'asilo che giocano con le costruzione di legno ed i fiammiferi, guardati a vista dalla maestra perché se no vi date fuoco da soli.
Come potete ripudiare la concezione spirituale che vi aiuterebbe davvero a superare il limite, vi porterebbe al di là del vostro reale, così "ben disegnato" dai vostri teoremi matematici. Vi permetterebbe di capire, di sapere senza ricerche e di diventare finalmente utili all'umanità e non solo un peso gigantesco ed un pericolo.

E' vero ci avete dato i telefonini, i PC, le auto potenti. Ma siamo sicuri che sia questo il modo giusto? Non sarebbero più utili per la Terra automobili magnetiche ad antigravità con propulsori a "free energy" che non inquinano e non hanno incidenti? E non consumano e non costano. Sarebbe possibile se seguiste la terza via, quella che vi consentirebbe di fare il salto verso la conoscenza, la Verità, unica.

E voi intellettuali che spaccate il capello in quattro, proprio come fanno i fisici con l'atomo, per cercare di scoprire la radice ultima del pensiero. Cosa avete scoperto in anni e secoli di elucubrazioni, soltanto che non riuscite a discostarvi di un millimetro da Aristotele ( salvo Kant). Tutto il resto è solo rimaneggiamento della logica. Ma la logica è conseguenza di come è la mente, non è il Valore, è solo un aspetto piccolo del funzionamento di questo organo. La radice è altrove. Cercatela al di là. Il passo è piccolo. Ma c'è una linea di demarcazione che va superata. Poi, al di là troverete cosa è la mente, cosa è il pensiero, come potrete finalmente uscire dalla prigione del pensiero logico. Come potrete finalmente attuare la relazione non lineare tra causa ed effetto. Come potrete percepire il tempo e l' evoluzione della conoscenza. Via dalle speculazioni sterili, via dal sapere di altri riciclato con il rimaneggiamento semantico per farlo apparire diverso. Via dalla ricerca spasmodica di una nuova teoria sul pensiero che darebbe fama e gloria. C'è un solo ed unico modo di essere ed esistere, quello è il Vero. Lo potreste scoprire, ma sarebbe lo stesso per tutti voi e questo non vi piace. E ci vorrebbe l'abbandono di tutto il vecchio vostro e di tutti gli altri, e questo non osate farlo.

E voi operatori della psiche, come fate ad illudervi in questo modo? Siete forse ancora più razionali dei razionalisti. Credete che la vostra nuova scienza sia il sostegno della civiltà di oggi. Ma non vedete che siete soltanto dei cronisti? Raccogliete le informazioni sui vostri casi e ne derivate la vostra verità. Con la semplice statistica. Non vedete che facevano così già da millenni ? Cosa facevano gli stregoni, i capipopolo, i sacerdoti nelle epoche passate? Raccoglievano informazioni e colpivano i devianti. Cioè coloro che erano diversi. Molto spesso migliori. Non è la media il valore, come fate a non vederlo? Siete voi stessi una classe di diversi dalla media, dovreste essere voi i clienti di voi stessi, ed in effetti lo siete. Cosa sono i corsi di ammissione e di aggiornamento? Potete onestamente dire di avere mai avuto una guarigione da un vostro paziente? No. Alcuni di voi arrivano a teorizzare di avere pazienti sani! Già, così guariscono della loro sanità. Ma se anche Freud ha dovuto ammettere che riusciva meglio un semplice ipnotizzatore ad aprire le porte dell'inconscio di tutte le sedute e prove che lui stesso aveva condotto. Andate a cercare le risorse altrove. Là ci sono davvero. Là si può comunicare con il sé superiore di voi, di noi, dei pazienti e là si può aiutare i pazienti a curarsi e guarire. Nello spirito, non nella mente, come pensate voi con la chimica.

Esiste la terza via. C'è lì tutto di fronte a noi, solo da afferrare. Ma vi dovete liberare dal veleno. La vostra psiche deve essere pulita. La vostra mente non deve avere zone buie. Non c'è nessuno dottore del corpo o dell' anima che vi possa dare il rimedio e la guarigione. Questa deve avvenire da voi stessi perché lo volete. Intensamente, spasmodicamente. Ed un giorno, con l' aiuto proprio di Colui di cui spesso dimenticate o negate l'esistenza, scoprirete attorno a voi, dentro il vostro sé, un cumulo di macerie. Sono il vostro vecchio castello che vi cingeva e vi difendeva dai vostri stessi pericoli, ma vi impediva di guardare ed essere fuori. Nell'immenso mondo della Verità, del sapere e della gioia infinita che solo la fusione con ogni cosa ci può dare.

Quindi, ecco Dio che segue gli astronauti su una nave spaziale, sulla luna per osservarli e per aiutarli, come con l'Apollo 13. Sì Aton non è un Dio come ci hanno costretto a credere. Chi? I nostri tiranni. Gli uomini furbi. Noi, poveri di spirito sapremo riscattarci ed apriremo il nostro cuore e la nostra mente.

Per costruire la nuova umanità. Quella di cui siamo degni, siamo creature di Dio, ritorniamo a questo stato di eccellenza!

Ben Boux

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu