Gli scienziati affermano che la teoria quantistica dimostra che la coscienza si sposta verso un altro universo alla morte. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli scienziati affermano che la teoria quantistica dimostra che la coscienza si sposta verso un altro universo alla morte.

Altri
 

Traduzione automatica.

Gli scienziati affermano che la teoria quantistica dimostra che la coscienza si sposta verso un altro universo alla morte.


Postato da JB Bardot, https://www.jbbardot.com/scientists-consciousness-universe/

Un libro intitolato " Biocentrismo: come la vita e la coscienza sono le chiavi per comprendere la natura dell'universo " ha suscitato l'interesse di Internet, perché conteneva l'idea che la vita non termina quando il corpo muore e può durare per sempre. L'autore di questa pubblicazione, lo scienziato Dr. Robert Lanza, che è stato votato terzo scienziato più importante dal NY Times, non ha dubbi che ciò sia possibile.

Oltre il tempo e lo spazio.

Lanza è esperto in medicina rigenerativa e direttore scientifico di Advanced Cell Technology Company. Prima di essere conosciuto per la sua vasta ricerca che trattava di cellule staminali, era anche famoso per numerosi esperimenti di successo sulla clonazione di specie animali in via di estinzione.

Ma non molto tempo fa, lo scienziato è stato coinvolto con la fisica, la meccanica quantistica e l'astrofisica. Questa miscela esplosiva ha dato origine alla nuova teoria del biocentrismo, che il professore ha sempre predicato. Il biocentrismo insegna che la vita e la coscienza sono fondamentali per l'universo. È la coscienza che crea l'universo materiale, non il contrario.

Lanza indica la struttura dell'universo stesso e le leggi, le forze e le costanti dell'universo sembrano essere sintonizzate per tutta la vita, implicando l'intelligenza esistente prima della materia. Afferma anche che lo spazio e il tempo non sono oggetti o cose, ma piuttosto strumenti della nostra comprensione animale. Lanza dice che noi portiamo lo spazio e il tempo intorno a noi "come tartarughe con conchiglie". Ciò significa che quando il guscio si stacca (spazio e tempo), noi esistiamo ancora.

La teoria implica che la morte della coscienza semplicemente non esiste. Esiste solo come un pensiero perché le persone si identificano con il loro corpo. Credono che il corpo sta per perire, prima o poi, pensando che anche la loro coscienza scomparirà. Se il corpo genera coscienza, allora la coscienza muore quando il corpo muore. Ma se il corpo riceve coscienza nello stesso modo in cui un ricevitore via cavo riceve i segnali satellitari, allora naturalmente la coscienza non si ferma alla morte del veicolo fisico. In realtà, la coscienza esiste al di fuori dei vincoli di tempo e spazio. È in grado di essere ovunque: nel corpo umano e al di fuori di esso. In altre parole, è non-locale nello stesso senso in cui gli oggetti quantici non sono locali.

Lanza crede anche che più universi possano esistere contemporaneamente. In un universo, il corpo può essere morto. E in un altro continua ad esistere, assorbendo la coscienza che è migrata in questo universo. Ciò significa che una persona morta mentre viaggia attraverso lo stesso tunnel finisce non all'inferno o in paradiso, ma in un mondo simile che lui o lei una volta ha abitato, ma questa volta in vita. E così via, infinitamente. È quasi un effetto cosmico russo dopo la vita.

Mondi multipli.

Questa teoria incantatrice di speranza, ma estremamente controversa, di Lanza ha molti inconsapevoli sostenitori, non solo semplici mortali che vogliono vivere per sempre, ma anche alcuni noti scienziati. Questi sono i fisici e gli astrofisici che tendono ad essere d'accordo con l'esistenza di mondi paralleli e che suggeriscono la possibilità di più universi. Multiverse (multi-universo) è un cosiddetto concetto scientifico, che difendono. Credono che non esistano leggi fisiche che proibiscano l'esistenza di mondi paralleli.

Il primo fu uno scrittore di fantascienza HG Wells che nel 1895 proclamò la sua storia " The Door in the Wall" . E dopo 62 anni, questa idea è stata sviluppata dal Dr. Hugh Everett nella sua tesi di laurea presso l'Università di Princeton. In pratica, afferma che in qualsiasi momento l'universo si divide in innumerevoli istanze simili. E il momento successivo, questi universi "appena nati" si sono divisi in modo simile. In alcuni di questi mondi potresti essere presente: leggere questo articolo in un universo o guardare la TV in un altro.

Il fattore scatenante per questi mondi moltiplicatori sono le nostre azioni, ha spiegato Everett. Se facciamo delle scelte, istantaneamente un universo si divide in due con diverse versioni di risultati.

Negli anni '80, Andrei Linde, scienziato dell'Istituto di fisica di Lebedev, sviluppò la teoria di universi multipli. Ora è professore alla Stanford University. Linde spiegò: Lo spazio consiste di molte sfere gonfianti, che danno vita a sfere simili, e quelle, a loro volta, producono sfere in numeri ancora maggiori, e così via all'infinito. Nell'universo, sono distanziati. Non sono consapevoli della reciproca esistenza. Ma rappresentano parti dello stesso universo fisico.

Il fatto che il nostro universo non sia solo è supportato dai dati ricevuti dal telescopio spaziale Planck. Utilizzando i dati, gli scienziati hanno creato la mappa più accurata dello sfondo a microonde, la cosiddetta radiazione di fondo della reliquia cosmica, che è rimasta sin dall'inizio del nostro universo. Hanno anche scoperto che l'universo ha molte nicchie oscure rappresentate da alcuni buchi e ampie lacune.

La fisica teorica Laura Mersini-Houghton della North Carolina University con i suoi colleghi sostiene: le anomalie dello sfondo a microonde esistono perché il nostro universo è influenzato da altri universi esistenti nelle vicinanze. E i buchi e le lacune sono il risultato diretto degli attacchi contro di noi da parte degli universi vicini.

La spiegazione scientifica per l'anima.

Quindi, vi è abbondanza di luoghi o altri universi in cui la nostra anima potrebbe emigrare dopo la morte, secondo la teoria del neo-biocentrismo. Ma l'anima esiste? Esiste qualche teoria scientifica della coscienza che possa accogliere tale affermazione? Secondo il dottor Stuart Hameroff, un'esperienza di pre-morte si verifica quando l'informazione quantistica che abita nel sistema nervoso lascia il corpo e si dissolve nell'universo. Contrariamente ai resoconti materialistici della coscienza, il Dr. Hameroff offre una spiegazione alternativa della coscienza che può forse attirare sia la mente scientifica razionale sia le intuizioni personali.

La coscienza risiede, secondo Stuart e il fisico britannico Sir Roger Penrose, nei microtubuli delle cellule cerebrali, che sono i siti principali dell'elaborazione quantica. Dopo la morte, questa informazione viene rilasciata dal tuo corpo, il che significa che la tua coscienza va con esso. Hanno sostenuto che la nostra esperienza di coscienza è il risultato degli effetti della gravità quantistica in questi microtubuli, una teoria che hanno soprannominato la riduzione oggettiva orchestrata (Orch-OR).

La coscienza è una proprietà come lo spazio e il tempo
La coscienza, o almeno la proto-coscienza, è teorizzata da loro per essere una proprietà fondamentale dell'universo, presente anche al primo momento dell'universo durante il Big Bang. "In uno di questi schemi, l'esperienza proto-cosciente è una proprietà di base della realtà fisica accessibile a un processo quantistico associato all'attività cerebrale."

Le nostre anime sono infatti costruite dal tessuto stesso dell'universo - e possono esistere fin dall'inizio dei tempi. I nostri cervelli sono solo ricevitori e amplificatori per la proto-coscienza che è intrinseca al tessuto dello spazio-tempo. Quindi c'è davvero una parte della tua coscienza che non è materiale e vivrà dopo la morte del tuo corpo fisico?

Il dott. Hameroff ha detto al documentario di Science Channel "Through the Wormhole": "Diciamo che il cuore smette di battere, il sangue smette di scorrere, i microtubuli perdono il loro stato quantico. L'informazione quantistica all'interno dei microtubuli non viene distrutta, non può essere distrutta, ma semplicemente distribuita e dissipata nell'universo in generale ". Robert Lanza aggiungerebbe qui che non solo esiste nell'universo, esiste forse in un altro universo.

Se il paziente viene rianimato, rianimato, questa informazione quantistica può tornare nei microtubuli e il paziente dice "Ho avuto un'esperienza quasi mortale"

Aggiunge: "Se non vengono rianimati e il paziente muore, è possibile che questa informazione quantistica possa esistere al di fuori del corpo, forse indefinitamente, come anima".

Questo racconto della coscienza quantistica spiega cose come esperienze di pre-morte, proiezione astrale, esperienze fuori dal corpo e persino reincarnazione senza bisogno di appellarsi all'ideologia religiosa. L'energia della tua coscienza può potenzialmente essere riciclata in un altro corpo ad un certo punto, e nel frattempo esiste al di fuori del corpo fisico su qualche altro livello di realtà, e possibilmente in un altro universo.

Robert Lanza su Biocentrism: Guarda il video qui:

Fonti: http://www.spiritscienceandmetaphysics.com/scientists-claim-that-quantum-theory-proves-consciousness-moves-to-another-universe-at-death/#sthash.8pnIT324.dpuf

Mente d'apprendimento

http://en.wikipedia.org/wiki/Biocentric_universe

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2225190/Can-quantum-physics-explain-bizarre-experiences-patients-brought-brink-death.html#axzz2JyudSqhB

http://www.news.com.au/news/quantum-scientists-offer-proof-soul-exists/story-fnenjnc3-1226507686757

http://www.psychologytoday.com/blog/biocentrism/201112/does-the-soul-exist-evidence-says-yes

http://www.hameroff.com/penrose-hameroff/fundamentality.html






 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu