Italia. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

Italia.

Altri
 

Notizie false: i media cercano di rinfrescare la crisi politica dell'Italia come "referendum sull'euro",
di Thomas D Williams.


31 maggio 2018.

http://www.breitbart.com/london/2018/05/30/fake-news-media-reframe-italy-political-crisis-referendum-euro/

Una foto scattata il 30 maggio 2018 mostra statuette su una bandiera italiana che giace su una bandiera dell'Unione Europea.  - L'Italia, una delle più grandi economie dell'Unione europea, è stata gettata in crisi dopo che il presidente Sergio Mattarella nel weekend ha posto il veto alla nomina del nuovo governo di un feroce euroscettico.

I media mainstream si sono affrettati a ricostituire la crisi italiana nella sovranità nazionale come un dibattito sulla partecipazione all'Unione europea (UE) e sulla sua moneta (euro) per distogliere l'attenzione dal veto senza precedenti del presidente Sergio Mattarella di elezioni democratiche.
Camminando in perfetto equilibrio ideologico, la Reuters ha  dichiarato che "le nuove elezioni italiane rischiano di essere referendum sull'euro", mentre la CNBC ha  dichiarato che "gli elettori italiani si preparano per la resa dei conti dell'euro prima delle elezioni anticipate", affermazioni che non hanno alcuna base di fatto.

Il  Times di Londra ha affermato mercoledì che l'Italia è "amaramente divisa" sulla decisione di Mattarella di affossare il governo appena eletto, un'affermazione che è palesemente falsa. Gli italiani sono uniti in modo schiacciante nel loro disgusto e nella condanna della decisione di Mattarella di dare la priorità all'UE e ai grandi interessi di capitale sulla volontà dei suoi stessi cittadini.

Lunedì scorso, l'hashtag #Impeachment era di  tendenza sul Twitter italiano mentre gli italiani si scagliavano per la rabbia contro il presidente.

Per la prima volta nella storia della Repubblica italiana, un presidente ha  buttato fuori la proposta di un governo dai partiti democraticamente eletti. Mattarella ha inoltre insultato gli elettori italiani nominando l'ex funzionario del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Carlo Cottarelli per formare un nuovo governo tecnocratico.


#Impeachment Tendenze su Twitter italiano rispetto a "Coup" anti-populismo http://www.breitbart.com/london/2018/05/28/impeachment-trends-italian-twitter-anti-populist-coup/
#Impeachment Tendenze su Twitter italiano rispetto a "Coup" anti-populista
Gli italiani chiedono le sue dimissioni o l'impeachment del presidente Sergio Mattarella per la sua decisione di respingere il governo populista.

Vedi gli altri tweet di Thomas D. Williams
Informazioni su Twitter e privacy

Persino i critici più severi della vittoriosa coalizione populista hanno riconosciuto che la pesantezza del presidente italiano avrebbe galvanizzato la nazione intorno alle parti offese.

L'ex primo ministro di sinistra, Massimo D'Alema, ha avvertito poco prima delle elezioni che "se dovessimo tornare alle urne a causa di un veto di Savona, Salvini raccoglierà l'80%" dei voti.

Da parte sua, il servizio di notizie nazionale ANSA ha pubblicato un articolo in cui si annunciava che "l'impeachment" aveva trovato la sua strada nel vocabolario italiano come risultato della mossa senza precedenti di Mattarella.

Nell'epitome dell'ironia, i mercati azionari internazionali sono  crollati martedì sulla scia della decisione del presidente, che affermava di stare facendo per evitare proprio questa sorta di instabilità del mercato.

Le obbligazioni biennali italiane hanno sofferto la loro più grande svendita in quasi tre decenni, ha riportato il  Times , mentre il valore dell'euro è sceso di un altro 0,8% e Wall Street è diminuito di oltre l'1,5% in seguito all'investimento delle obbligazioni.

Breitbart London @ BreitbartLondon
I mercati globali convulono mentre gli investitori respingono la posizione di stabilimento dell'UE in Italia http://www.breitbart.com/london/2018/05/29/markets-reject-us-establishment-position-italy/ ...

I mercati globali convulsano mentre gli investitori rifiutano la posizione di stabilimento dell'UE sull'Italia
"Avrebbe dovuto rispettare l'esito delle elezioni, avrebbe dovuto dare una possibilità al nuovo governo", ha detto Mohamed El Erian in un'intervista martedì.

Mattarella ha detto che  temeva che la nomina dell'eminente economista e euroscettico Paolo Savona avrebbe inviato un messaggio di "allarme" agli "operatori economici e finanziari" nella sua giustificazione per il veto al governo.

La sinistra ha reagito cercando di dipingere il dibattito (e le probabili elezioni imminenti) come un pollice in su o in giù per la partecipazione all'euro, che minaccerebbe "la stabilità economica e finanziaria del nostro paese", piuttosto che una questione di sovranità nazionale contro Bruxelles. I leader del Movimento a 5 stelle e della Lega hanno negato questa accusa.

L'allarmismo ha lo scopo di spaventare gli elettori italiani ad abbandonare i partiti populisti per timore di perdere pensioni e sussidi economici dall'UE.

Nel frattempo, la popolarità dei due partiti vittoriosi è  cresciuta nei giorni scorsi, con quello della Lega in crescita di un notevole 8%, mentre quello degli establishment party è sceso ai minimi storici.


########################################################################.

Italia malconcia, Europa contusa : la saga italiana svela i problemi più profondi che affliggono l' UE, di Dr. Sreeram Chaulia.


2 giugno 2018

https://www.rt.com/op-ed/428496-italy-populist-government-eu/

Italia in panne, Europa lacerata: la saga italiana svela i problemi più profondi che l'UE deve affrontare Roma, Italia © Raimund Kutter / Global Look Press

Roma non fu costruita in un giorno e non declinò all'istante. L'Italia si è sgretolata negli ultimi due decenni sotto il peso del malfunzionamento strutturale.

La caduta ha raggiunto livelli vertiginosi negli ultimi giorni, con lo stallo istituzionale e il panico economico che minaccia un altro tracollo a livello europeo.

A partire da marzo, l'Italia mancava di un governo in mezzo a un'estrema incertezza e uno scontro tra i populisti della destra e gli oppositori liberali. I principi costituzionali come "volontà della maggioranza" e "controlli e contrappesi" si combattevano l'un l'altro in una contesa di volontà feroce.

Nonostante un accordo dell'ultimo minuto per unire finalmente un governo, la saga ha rivelato maladie più profonde. L'Italia è in prima linea in una fessura che rode il cuore del mondo occidentale contemporaneo, la riaffermazione nazionalistica nei confronti della globalizzazione sovranazionale.

Leggi di piùIl presidente designato italiano Giuseppe Conte guarda come presidente Sergio Mattarella firma documenti © Ufficio stampa presidenziale

La coalizione euroscettica italiana forma un nuovo governo dopo il veto "non democratico" del presidente

Il successo elettorale di due partiti populisti anti-establishment, il Movimento a cinque stelle e la Lega che insieme governeranno l'Italia in una coalizione, si basa sulla stessa idea che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca e ha spinto il Regno Unito alla Brexit, cioè "noi" gente semplice della nazione contro "loro" che progettano le élite lontane.

In Italia, i cittadini malandati, disoccupati e frustrati, incolpano l'Unione europea e le forze finanziarie globali per le loro disgrazie e credono che grandi potenze come la Germania e gli investitori internazionali ingabbia e sfruttano gli italiani comuni.

Laici si lamentano di come le tasse ei prezzi continuano a salire, i salari non reggono il passo, e tutti i fondi dell'UE per lo sviluppo locale vengono inghiottiti da politici italiani e capi mafiosi. Un piccolo imprenditore di Salerno ha detto a questo autore: " Non abbiamo uno stato, è crollato molto tempo fa e è stato preso in consegna dagli" eurocrati "con sede a Bruxelles e dai loro lacchè italiani che ci hanno governato ".

La percezione della perdita del controllo delle persone sul proprio destino è aggravata dal condiscendente atteggiamento dei vertici europei nei confronti di economie male performanti e mal gestite come quelle di Italia, Grecia e Spagna. Commenti del capo del bilancio dell'UE, Gunther Oettinger, secondo cui i mercati globali "insegneranno" agli elettori italiani una lezione per abbandonare le opzioni estreme, hanno suscitato indignazione e passione nazionalista tra gli italiani che si dicono stancati di essere trattati come "una colonia di tedeschi" ".

Come la Grecia, l'Italia non è emersa dalla crisi economica globale iniziata nel 2008. I cittadini più colpiti si stanno chiedendo perché l'UE e le agenzie di rating straniere dovrebbero imporre la propria volontà sui limiti di spesa fiscale e persino su chi dovrebbe essere ministro delle finanze nel prossimo governo italiano.

Per i cittadini comuni, gli unici "mercati" che contano sono quelli fisici che punteggiano le strade e le corsie italiane dove i clienti sono scarsi ei profitti si stanno assottigliando. Privilegiare gli interessi delle obbligazioni e dei mercati azionari internazionali su mercati reali che determinano il sostentamento di persone semplici è un problema centrale che i populisti evidenziano e promettono di rovesciare quando prendono il potere.

Democrazia nell'UE? Solo quando conveniente per Bruxelles

L'idea dell'integrazione europea era un tempo sostenuta dai comunisti italiani come Altiero Spinelli come una fuga dalle strette rivalità e guerre nazionalistiche. Oggi, mentre le classi lavoratrici in Italia soffrono sotto l'austerità fiscale e il fallimento della governance, l'UE e gli investitori obbligazionari vengono dipinti come strumenti di grandi imprese straniere per schiacciare i poveri della nazione.

Se essere aggiogati ai mercati globali sta irritando la base, l'altro fattore che guida l'ascesa populista è l'immigrazione. In tutta Italia, vi è una notevole presenza di migranti provenienti dall'Africa e dall'Asia che sono entrati come parte di un'onda attraverso il Mar Mediterraneo negli ultimi anni. I populisti li incolpano per crimine e terrorismo, incanalando desideri razziali sul ripristino della "purezza nazionale" e giurando di deportare gli stranieri che sono visti come terreno cristiano " invasore ".

Sebbene la bandiera dell'Unione europea si sposti a fianco di quella italiana nelle piazze pubbliche e negli edifici governativi, gli italiani autoctoni fomentano il "peso" gravato su di loro attraverso un'immigrazione imprudente senza un adeguato sostegno finanziario o la condivisione da parte di altri paesi membri dell'UE. Le cospirazioni che la Germania ha colluso con la tradizionale classe di élite italiana corrotta e hanno spinto i migranti indesiderati in Italia abbondano.

I difensori dell'integrazione europea citano le statistiche e fatti oggettivi per affermare che l'Italia ha beneficiato economicamente di rimanere all'interno dell'euro e dell'UE. Anche la nuova coalizione di governo di Five Star e The League ha recentemente sconfessato qualsiasi intenzione di abbandonare la valuta Euro o perseguire un 'Italexit'.

Ma è ovvio che i populisti si sono ritirati dalle loro posizioni anti-UE caratteristicamente stridenti per ragioni tattiche al fine di formare un governo dopo essere stati bloccati dalla struttura statale pro-UE italiana guidata dal presidente Sergio Mattarella.

Con gli euroscettici che hanno ora combattuto la loro strada per il potere a Roma, possiamo aspettarci che l'Italia peggiori il consenso già indebolito all'interno dell'UE rispetto alle politiche fiscali, culturali e straniere comuni. Insieme all'Ungheria e alla Polonia, l'Italia populista governata formerà un blocco interno di opposizione all'interno dell'UE per minare la Germania e l'agenda internazionalista liberale francese.

Quando i populisti di tutta Europa immaginano un '"Europa delle nazioni" piuttosto che un'Unione europea, sembra una catarsi ai loro elettori sul campo che si sentono abbandonati e lasciati fuori dalle funzioni decisionali di base a causa di presunte macchinazioni di stranieri seduti lontano in Bruxelles e hub finanziari capitalisti all'estero.

Crisi in Italia: i lavoratori pagano le decisioni prese quasi 30 anni fa

Fintanto che la stagnazione economica e l'ansia culturale continuano, l'ira contro le entità sovranazionali non si attenuerà e le ambizioni iperboliche dei leader liberali come il presidente francese Emmanuel Macron di creare un'Europa più unita e potente rimarranno insoddisfatte.

Bruxelles è spesso un capro espiatorio per i fallimenti causati almeno in parte da italiani, greci o spagnoli. La prevalenza di una cultura regionale nell'Europa del sud basata su favori personali e su curve radicali si adatta ai sistemi politici incentrati sul mecenatismo piuttosto che sullo stato di diritto. I banchieri dell'UE o di Wall Street non hanno inventato queste caratteristiche problematiche che precedono i tempi moderni.

Tuttavia, i segnali dal basso sono chiari: le persone in Occidente hanno avuto abbastanza dell'iper-globalizzazione e smembramento di quella che era una comunità definita e un'identità nazionale. Stanno cercando un cambiamento democratico in cui la sovranità, l'amministrazione e le politiche che incidono sui loro tascabili non siano fissate dagli "spreads" dei bond capitalistici speculativi, che il presidente italiano ha citato per tenere a bada i populisti, ma piuttosto dalle scelte autonome del popolo in ogni paese.

Comprendere la rabbia nei sobborghi e le richieste accomodanti per almeno un certo grado di "de-globalizzazione" sono necessarie per colmare le rotture sociali aperte dall'eccessiva egemonia basata sul mercato finanziario. L'approccio del cookie cutter alla globalizzazione e all'omogeneità continentale in Europa deve adattarsi al contesto nazionale e al contraccolpo popolare.

La storia mostra che l'Unione Europea ha resistito a numerose crisi prima e che l'ondata populista di rabbia potrebbe anche passare dopo aver iniziato a governare in paesi come l'Italia e commettere i propri errori. Ma la ricerca di un'alternativa umana all'ordinamento alienante esistente è essenziale per la stabilità politica e l'appagamento di massa. Questa ricerca trascende le domande immediate di chi forma un governo e come le azioni e le azioni reagiranno alle scelte ministeriali. È l'unica strada per l'Occidente per salvarsi dall'implosione.

Le affermazioni, le opinioni e le opinioni espresse in questa colonna sono esclusivamente quelle dell'autore e non rappresentano necessariamente quelle di RT.

Il Dr. Sreeram Chaulia è professore e preside della Jindal School of International Affairs di Sonipat, in India. Il suo ultimo libro è "Modi Doctrine: The Foreign Policy of India's Prime Minister".

########################################################################.



Crisi in Italia: i lavoratori pagano le decisioni fatte quasi 30 anni fa, di Neil Clark.


31 maggio 2018.

https://www.rt.com/op-ed/428269-italy-crisis-euro-eu/

Crisi in Italia: i lavoratori pagano le decisioni prese quasi 30 anni fa.

Leader del Movimento a cinque stelle (M5S) Luigi Di Maio, Italia, Napoli, 29 maggio 2018. © Ciro De Luca / Ropi / Global Look Press

La convocazione da parte del presidente italiano di un ex direttore del FMI, soprannominato "Mr Scissors", nel palazzo presidenziale, a dispetto degli elettori che volevano porre fine all'austerità, dimostra che la democrazia viene sospesa quando i "mercati" lo chiedono.

Immaginiamo che il Partito Laburista di Jeremy Corbyn abbia vinto le elezioni generali in Gran Bretagna per un programma di spesa di 100 miliardi di sterline in più per stimolare l'economia dopo anni di tagli governativi e sottoinvestimenti. Corbyn, che indossava il suo abito migliore, andò a Buckingham Palace per incontrare la Regina, ma Sua Maestà, dopo aver servito il tè e i biscotti, lo informò che non avrebbe accettato il suo proposto cancelliere dell'erario, John McDonnell, e invece proporre nomi alternativi.

Quando Corbyn si rifiutò di arrendersi, la Regina convocò George "Slasher" Osborne - l'architetto di austerità - e gli chiese di provare a formare un nuovo governo ad interim anche se l'elettorato aveva respinto tutto ciò che Osborne rappresentava.

Ora sono sicuro che potresti pensare a molte parole per descrivere quella sequenza di eventi, ma "democratico" non sarebbe uno di questi. Più o meno lo stesso scenario è stato giocato in Italia in questi ultimi giorni.


Il presidente dell'Italia rifiuta un ministro delle finanze anti-austerità e chiama invece un ex direttore esecutivo dell'FMI soprannominato "Forbici del signor" che potrebbe formare un governo in barba agli elettori italiani. Questa non è democrazia '! http://www.bbc.co.uk/news/world-europe-44275781 ...

Il presidente italiano affronta l'impeachment call
Il leader del Partito a cinque stelle attacca Sergio Mattarella dopo i colloqui sulla formazione di un fallimento del governo.

Informazioni su Twitter e privacy

Lì, il movimento anti-establishment Five Star Movement e la Northern League (Liga Nord) hanno vinto insieme circa il 50 per cento dei voti nel sondaggio di marzo. Il primo ministro eletto Giuseppe Conte ha voluto introdurre tagli fiscali e aumenti della spesa pubblica per far ripartire l'economia italiana. Ma la sua scelta di ministro dell'Economia, Paolo Savona, fu bloccata dal veto.

Savona è un eurokeptic veterano e ha detto che l'adesione all'euro è stato un " errore storico " per l'Italia. Il presidente Sergio Mattarella ha posto il veto a Savona perché riteneva che il suo programma economico potesse minacciare l'adesione all'euro da parte dell'Italia. È vero che il proposto programma di spesa da 100 miliardi di euro distruggerebbe il massimale del deficit di bilancio del tre per cento dell'UE, ma questo ci dice tanto sul massimale del budget e quanto è restrittivo rispetto ai meriti del programma di Savona.

Si potrebbe dire che i problemi attuali dell'Italia - in realtà tutti i problemi economici dell'Europa - risalgono ai primi anni '90, quando le decisioni sbagliate venivano prese dall'élite europea e incastonate nel Trattato di Maastricht - che da allora i lavoratori pagano da sempre.

I migranti sono un sintomo non causa del neoliberalismo. Dare la colpa a loro per i mali economici e sociali della società è come un medico che rimprovera il paziente per aver osato ammalarsi. https://twitter.com/city_affairs/status/1001260388116295683 ...

I tagli alla spesa pubblica hanno aumentato la disoccupazione, che a sua volta ha aumentato il deficit, che ha portato a ulteriori tagli, e così via e così via. Il debito nazionale dell'Italia è ora il 132% del suo PIL. Sebbene i tassi di crescita siano ora positivi, il tasso medio annuo di crescita dal 1999 al 2016 è stato  pari a zero . Con il 31,7% di disoccupazione giovanile, La Dolce Vita e la canzone accattivante di Ryan Paris, è un ricordo a lunga distanza.

La tragedia è che era tutto così prevedibile. Un uomo che ha  avvertito che l'Europa si stava lasciando prendere dalla corsa per spremere quanti più paesi possibile nella zona euro, era il defunto politico laburista Peter Shore, il segretario di stato britannico per gli affari economici dal 1967 al 1969 e il ministro degli affari dal 1974 -6.

Nella prima metà degli anni '90 insegnavo economia in Svizzera ed ero in corrispondenza con Shore. Mi ha gentilmente inviato una copia dei dibattiti parlamentari in cui si era scagliato contro il Trattato di Maastricht e la sua imposizione di una camicia di forza finanziaria sui membri della CEE / UE, indipendentemente dallo stato delle loro economie.

Juncker dice che il "destino" dell'Italia non è governato dalle finanze, il capo del bilancio dell'UE pensa diversamente

Shore ha detto alla Camera dei Comuni il 24 marzo 1993: " La più sorprendente omissione dal trattato è il fatto che non affronta mai la questione della politica di contro-recessione, di cui non contiene una parola: una lezione che dovremmo avere imparato dai disastri degli anni tra le due guerre fu quella tendenza ad andare troppo in alto in un boom, e troppo in basso in recessione e crollo.

" Perché questo aspetto non è scritto nel protocollo? Perché non dice che dobbiamo riconoscere quei problemi anticiclici, e lo faremo certamente se la disoccupazione crescesse dell'1%? Invece di avere solo il tre per cento e il 60 per cento per prendere in prestito e il debito, perché non avere il tre, quattro o cinque per cento del livello di disoccupazione o il calo del prodotto interno lordo? "

Il problema non è che l'idea di una moneta unica per i paesi europei sia negativa. È il modo in cui l'intera cosa è stata implementata. Forse gli architetti del Trattato di Maastricht pensavano che con la fine dell'Unione Sovietica avrebbero potuto ristrutturare le economie europee per renderle più amichevoli ai banchieri. Nel frattempo, il centrosinistra potrebbe essere ripagato con misure "aggiuntive" come il "Capitolo sociale". Ma a che cosa serve il "Capitolo sociale" se non hai un lavoro da svolgere in primo luogo?

Bloccando la nomina di Savona, il presidente italiano Mattarella, è apparso - almeno all'inizio della settimana - ad aver peggiorato le cose da una prospettiva europea. Martedì l'euro è sceso al livello più basso contro il dollaro per 10 mesi. Ma il mercato azionario di Milano è salito dell'1% mercoledì, con le notizie che indicano che Five Star e League potrebbero ancora formare un governo, anche se senza Savona.

Anche le osservazioni di Gunther Oettinger, il capo del bilancio dell'UE, non sono state d'aiuto.

"La mia preoccupazione e la mia aspettativa è che le prossime settimane mostreranno che i mercati, i titoli di stato, lo sviluppo economico dell'Italia potrebbero essere così drastici che questo potrebbe essere un segnale per gli elettori di non scegliere i populisti di sinistra e di destra " , ha dichiarato il tedesco .

Non una colonia tedesca o europea ": il capo del bilancio dell'UE, Oettinger, ha sbattuto per aver detto agli italiani come votare

Le parole di Donald Tusk e Jean-Claude Juncker sono state più emollienti, e Oettinger stesso si è scusato per quello che ha detto, ma si potrebbe dire che il danno è già stato fatto. Se gli elettori italiani erano euroscettici prima della scorsa settimana, lo sono ancora di più adesso.

Per una soluzione alla crisi, dobbiamo guardare a Berlino. Il potere economico più forte dell'UE ha bisogno di tagliare i paesi in difficoltà come l'Italia molto più allentati.

Per ridurre il suo deficit a medio-lungo termine, l'Italia deve aumentarla a breve termine - e dovrebbe essere permesso farlo - all'interno dell'Eurozona. La democrazia dovrebbe superare i "mercati" e Herr Oettinger. L'UE - e non gli elettori italiani - devono prima battere le palpebre.

Non mi capita spesso di citare George Soros, ma sulla necessità che l'UE cambi direzione e faccia cadere la sua "dipendenza dall'austerità", ha sicuramente ragione. Il miliardario hedge funder è abbastanza intelligente da sapere che se non ci saranno grandi cambiamenti nel modo in cui opera l'UE, l'intero progetto europeo sarà  condannato .

Lasciamo l'ultima parola a Riva, l'uomo che ha visto esattamente quale sarebbe stata l'introduzione precipitosa dell'euro e l'associata "dipendenza dall'austerità".

" I problemi della democrazia, della prosperità e dell'autogoverno negli stati nazionali d'Europa non andranno via, continuano ad essere oggetto di continue discussioni " .

La data della lettera di Shore? 14 dicembre 1993.



Le affermazioni, le opinioni e le opinioni espresse in questa colonna sono esclusivamente quelle dell'autore e non rappresentano necessariamente quelle di RT.

Neil Clark è un giornalista, scrittore, conduttore e blogger. Ha scritto per molti giornali e riviste nel Regno Unito e in altri paesi tra cui The Guardian, Morning Star, Daily e Sunday Express, Mail on Sunday, Daily Mail, Daily Telegraph, New Statesman, The Spectator, The Week e The American Conservative. È un esperto regolare di RT ed è anche apparso su BBC TV e radio, Sky News, Press TV e Voice of Russia. È il co-fondatore della campagna per la proprietà pubblica @PublicOwnership. Il suo blog pluripremiato può essere trovato su www.neilclark66.blogspot.com. Tweets su politica e affari mondiali @ NeilClark66






 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu