"Voilà, questo sei tu, amore mio!" da Dio. - La nuova umanità

Vai ai contenuti

Menu principale:

"Voilà, questo sei tu, amore mio!" da Dio.

Padre/Madre e Entità Superiori
 

"Voilà, questo sei tu, amore mio!" da Dio.

Heavenletter # 6553  Pubblicato il:  4 gennaio 2019
https://www.youtube.com/watch?v=ErvmVAiRW9U

(traduzione Lina Capettini www.lanuovaumanita.net)

Dio ha detto:
Carissimi, irradiate una vibrazione nel mondo. Le impronte digitali sono considerate individuali. Non c'è un altro set di impronte digitali nel mondo come il tuo.

Anche se tutti sono Uno, Uno Magnifico, nessuno irradia individualmente la stessa vibrazione al pari di te, e lo fai in modo così naturale, senza pensarci. Naturalmente significa senza sforzo. Non ci vuole sforzo per far crescere una rosa. Non ci vuole sforzo per la primavera nel diventare estate.

In termini di ciò che attiene il mondo, la tua unica vibrazione può anche variare. Ci sono momenti in cui la tua vitalità è eccellente, e altri momenti in cui puoi vibrare più lentamente o più velocemente.

E questo non importa, so come sceglierti tra la folla. Ti conosco. Si può dire che vi scelgo. Nessuna lettura di pensiero vi entra, capisci. Ti conosco all'istante. Non ci deve essere nessun pensiero.

"Voilà, sei tu!"

Brilli sopra la folla. È la tua vibrazione che danza ad un ritmo diverso, più lento o più veloce, o verso un certo "staccato", forse. Non importa. Sei tu.

Anche tu, tu stesso, senti il tuo ritmo per adattarti a te stesso più di una volta, rispetto ad un altro.

È la tua vibrazione che danza. La tua vibrazione potrebbe essere più affascinante, una volta o l'altra. Comunque, sei tu, mio caro.

Potremmo parlare di un tipo di seta che si sente un po' diverso al tocco di quello accanto.

Parliamo di un certo profumo di rosa quasi indiscernibile da un altro, eppure sei come Una Rosa come nessun altro. Indipendentemente dal fatto che ogni anima è Uno, ogni anima ha il suo sussurro.

Carissimi, vorrei conoscervi ovunque.

Capisci che posso sceglierti tra la folla.

"Ah, sei tu, mio amato", dice il mio cuore, e ci abbracciamo. Il mio riconoscimento non è nemmeno il respiro di un cuore lontano da te.

Non devo pensare. Lo so.

Tu sai anche quando stai subendo una vibrazione diversa. Verrà da te. Non che lo debba, ma tu desideri nello stesso modo in cui vuoi dare un nome a questa melodia.

Potresti chiederti se la vita passa solo attraverso i pensieri. Tu sfogli le pagine di un libro, e così pensi di aver letto e vissuto.

Nel senso della vista, ci sono colori. Nel senso dell'udito, ci sono suoni e toni.

In tutti i sensi, ci sono sottigliezze. Potrebbero esserci sottigliezze che potresti discernere e che potresti non essere in grado di descrivere. Lo sai d'istinto. Puoi dimenticare un nome intrinseco in un attimo, eppure hai quasi il suo nome e dove vive.

Questo è qualcosa come il modo in cui puoi ricordare se è oggi o domani il giorno in cui non sei ancora sicuro per un momento di abbandono. Davvero, quando arriva la spinta, perché devi sapere? Forse il senso del tempo si sta divertendo con te.

Certo, la risposta a che ora è - anche senza un orologio, puoi dire  ADESSO.

La risposta a dove sei è  QUI.

La risposta a dove vivi è  SULLA TERRA. La risposta potrebbe essere anche  IN PARADISO.

Se ti viene chiesto  CHI È TUO PADRE ? rispondi  DIO .

Carissimi, cos'altro avete bisogno di sapere?






 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu